Il ministro Fontana propone di abrogare la legge Mancino

È l’ennesimo colpo alla nostra democrazia e alla Costituzione su cui è fondata

 

Il ministro Fontana propone di abrogare la legge Mancino.

E’ l’ennesimo colpo alla nostra democrazia e alla Costituzione su cui è fondata

 

Dichiarazione di Francesca Chiavacci, presidente nazionale Arci

 

 

Il Ministro Fontana, dopo le infelici dichiarazioni sul tema dei diritti delle famiglie gay, oggi aggiunge la proposta di abrogazione della legge Mancino, definendola una normativa "anti-italiana".

 

Prima di tutto vogliamo ricordare al Ministro che per assumere il suo incarico ha giurato, come gli altri esponenti del Governo,  sulla Costituzione, che dall'antifascismo nasce e trae ispirazione. Il ruolo che ricopre – e di ciò dovrebbe essere consapevole – fa assumere alle sue dichiarazioni un peso diverso che se pronunciate da un normale cittadino. Ma di ciò non sembra rendersi conto, arrivando ad alludere  persino a un globalismo dal sapore complottista.

 

La sua proposta fra l’altro cade in un momento in cui le parole d’odio del ministro Salvini hanno scatenato le peggiori pulsioni razziste come dimostra la sequenza di aggressioni ai danni delle persone straniere. E’ evidente poi come le formazioni che si richiamano apertamente al fascismo e al nazismo hanno rialzato la testa, moltiplicando le iniziative provocatorie e violente. Tutto ciò richiederebbe un’applicazione puntigliosa della legge Mancino e un suon rafforzamento, certo non la sua abrogazione.

Le parole di Fontana infliggono l’ennesimo colpo allo stato di diritto e dimostrano che a Palazzo Chigi siedono ministri razzisti, che vogliono fare carta straccia della Costituzione e della nostra democrazia faticosamente conquistata.

 

Non lo permetteremo, e per quel che possiamo cercheremo in tutti i modi che ci sono propri di fermare questa intollerabile deriva.

Prossimi appuntamenti

Al Dock61 si presenta "Il capitale disumano. Salvini e l’odio per decreto"

Venerdì 22 febbraio dalle 19.30

Ospiti Andrea Maestri, avvocato per i diritti umani e della Segreteria Nazionale di Possibile, e Massimo Manzoli

Clint Eastwood protagonista nel weekend del Gulliver

“Il corriere – the mule” è la storia vera di un anziano con problemi economici, interpretato dallo stesso Clint

Inoltre l'appuntamento del “Giovedì Club” propone, il 21 febbraio alle ore 21, il film premiato a Cannes e candidato a tre premi Oscar “Cold war”   

Orso d’Argento alla Berlinale a "La paranza dei Bambini" di Claudio Giovannesi

Gli auguri di Arci e Ucca al regista

«Uno straordinario compagno di viaggio di tante iniziative della nostra rete associativa»