Mettiamo in rete la solidarietà in tempo di crisi

Sospese tutte le attività

Mettiamo in rete la solidarietà in tempo di crisi

Per tutto il territorio regionale ha effetto la misura principale ed inequivocabile prevista dall’art. 1 lettera s) che prevede la sospensione delle attività, tra gli altri anche per centri culturali, centri sociali e centri ricreativi a partire dall’8 marzo e fino al 03/04/2020.

In questa definizione rientrano anche i nostri circoli e associazioni che dovranno quindi interrompere tutte le attività fino alla sopracitata scadenza.

Crediamo sia non solo un atto da far rispettare prescrittivamente, ma soprattutto un esercizio di responsabilità: il contagio del Covid-19 avviene soprattutto attraverso momenti di socialità e incontro che sono la natura stessa del nostro agire associativo. Sospendere queste attività va dunque nella direzione auspicata anche dal capo della Protezione Civile Borelli che richiede espressamente di astenersi dalle attività sociali.

Oltre che come associazioni e circoli, ci viene chiesto un impegno come cittadine e cittadini con una ulteriore modifica al nostro stile di vita e alla nostra quotidianità, vi invitiamo a rispettare le indicazioni.

Siamo consapevoli che questa situazione comporterà disagio e difficoltà, anche economiche, e che una volta terminata l’emergenza dovremo affrontare una difficile ripresa di attività di ogni ordine.

Anche per questo siamo al lavoro avanzando sia a livello regionale che nazionale alcune richieste, che però è bene precisare non siamo al momento in grado di sapere se verranno accolte, né quando potrebbero diventare effettive data l’evoluzione convulsa della situazione.

La nostra storia e la nostra natura ci renderà capaci di riprendere le attività insieme, con grande fantasia, spirito di solidarietà ed ottimismo in nome del valore civile, sociale e culturale che le nostre associazioni hanno per i loro territori.

 

Prossimi appuntamenti

Convenzione di Faro, Arci: soddisfatti per la ratifica dell’Italia

Finalmente anche il nostro Paese si doterà di strumenti per supportare gli obiettivi della Convenzione

Nella seduta della Camera del 23 settembre è stata finalmente approvata dal parlamento italiano la legge di ratifica della “Convenzione quadro del Consiglio d'Europa sul valore del patrimonio culturale per la società”