Storie partigiane e musica live al Dock61

Giovedì 21 alle 20.45 presentazione di "Leto Fratini, scultore", sabato 23 Giò Gasdia in concerto

21 marzo ore 20.45

Storie partigiane - presentazione di "Leto Fratini, scultore"

Prima tappa di avvicinamento al 25 aprile, che per noi del Dock61 è sempre una festa fondamentale.

Giovedì 21 marzo alle ore 20,45 il Dock61 ospiterà la presentazione del libro "Leto Fratini, scultore percorsi esistenziali e traiettorie dell'antifascismo tra Firenze e Milano"

Discutono del libro

L'autore Carmelo Albanese, dottore di ricerca in Storia contemporanea presso l'Università di Firenze

Veronica Quarti, cultore della materia in Storia contemporanea presso l'Università di Ferrara

Raffaella Sutter, sociologa.

Il volume ricostruisce il percorso biografico di Leto Fratini (1911-1943), giovane scultore della Val d'Elsa che, nella seconda metà degli anni Trenta, riesce ad affermarsi nel panorama artistico milanese. Entrato in rapporto con esponenti del movimento antifascista, viene arrestato per diffusione di stampa clandestina. Rinchiuso nel carcere delle Murate di Firenze, e successivamente trasferito a San Vittore a disposizione degli agenti della 1ª zona Ovra, troverà la morte nell'ospedale psichiatrico di Mombello. Attraverso lo scavo archivistico e l'incrocio di una molteplicità di fonti eterogenee, l'autore definisce con estrema chiarezza quadri generali e passaggi cruciali della vita dello scultore toscano, liberandola dalle fitte maglie di una narrazione memoriale intelaiata sui due poli della militanza antifascista e del martirio come sua tragica ed estrema conseguenza, entro cui era rimasta imprigionata. Ricollocare Leto Fratini nel contesto del suo tempo quale emblema di una generazione che nasce, cresce e matura sotto la dittatura, consente all'autore di inoltrarsi nel vasto e sfaccettato mondo della cultura milanese di quegli anni, fatto di reti di relazione che si snodano tra spazi privati e ritrovi pubblici, e popolato da figure che, come scrive Simone Neri Serneri nella prefazione, "per inclinazione esistenziale, curiosità intellettuale e talento artistico si pongono ai margini se non in antitesi al conformismo cui chiama il regime". A questi ambienti si rivolge ben presto l'attenzione del giovane Fratini, quando, nel pieno dispiegarsi di un processo di evoluzione umana e politica, le strutture del sistema repressivo fascista intervengono a segnare altrimenti la sua esistenza.

23 marzo ore 21.30

Giò Gasdia & Slow eMotion - PMS live

Sabato 23 marzo tornano al dock61 le serate di presentazione degli album PMS studio. In questa occasione sono nuovamente con noi Giò Gasdia and Slow eMotion che ci presenteranno il nuovo disco.


Prossimi appuntamenti

Al Gulliver di Alfonsine il Dumbo di Tim Burton

Riparte anche il Giovedì Club con "Una giusta causa"

Da venerdì 19 aprile Dumbo, domenica e lunedì anche "Captain Marvel"

Venerdì 19 al Dock61 l'incontro "Varianza di genere e stereotipi"

Dalle 19.30 aperitivo e, a seguire, incontro pubblico

Ospiti Elisabetta Ferrari, Massimo Manzoli e Cinzia Messina